✿Sono le di Benvenuti tra le mie pagine, di grafica e di piccoli Soffi di Me✿








9 commenti:

  1. E poi il tempo ci fa cambiare, ma ricordiamo sempre come eravamo prima :)
    Ciao, grazie di essere passata da me.
    Buona giornata
    Emilio

    RispondiElimina
  2. Vorrei parlare tanto, ma direi cose già dette... un po mi ritrovo nelle tue parole, quel sentirsi insicuro, inadeguato... nel mio caso forse la sicurezza è arrivata un po più tardi, ma ancora ora, qualche piccola riminiscenza caratteriale di allora, cerca di affacciarsi all'uscio dell'animo, e a volte faccio fatica chiudergli la porta in faccia.
    Forse è come dici tu, quando l'animo è fatto in un certo modo, rimane così, anche se ci convinciamo del contrario, magari indossiamo una maschera (non nel senso negativo del termine, in quanto serve più per convincere se stessi che gli altri), per sentirsi come si vorrebbe.
    Per i sentimenti è diverso, in quel caso la maschera fa male.... dire di amare, di voler bene ad una persona quando non è così, può ingannare l'istante, ma arriverà il momento in cui questo orpello posticcio, non certo dal sapore carnascialesco, inizierà a mostrare le prime crepe, fino a frantumarsi del tutto... in quel momento lascerà lo sgradito dono del dolore....
    Sai Angela, come scrissi sul mio blog, sarei mancato un po di giorni, beh! sono stati tre giorni meravigliosi, sono stato impegnato dalla mattina alle 6 fino alla mezzanotte, (di notte c'erano comunque altri): devo confessarti che sono davvero stanchissimo, ma, mi sento comunque un privilegiato ad essere stato tre giorni sempre a contatto con l'ampolla del sangue di Papa Giovanni Paolo.
    Ho visto moltissima gente versare lacrime, persone molto malate che cercavano una speranza, persone che sono venute a ringraziarlo per un miracolo ricevuto.... in particolare, mentre piantonavo la reliquia, una donna scoppiando in lacrime diceva: "Finalmente, finalmente, grazie, ora ti posso ringraziare per davvero", dopo aver baciato più volte l'ampolla con il sangue, mi ha raccontato che alcuni anni prima era affetta da un brutto male incurabile, la notte prima di essere operata, le venne in sogno Giovanni Paolo secondo, dicendogli di non preoccuparsi, che sarebbe guarita, cosa che poi è avvenuta per favvero.
    Tantissime volte mi sono commosso, era più forte di me, mi trattenevo a stento... mi sento di ringraziarlo anche io, ho vissuto una esperienza che mi ha fatto capire tante cose, di come la fede possa spianare davvero le montagne... di come la sofferenza per tanti è compagna di vita, di come non bisogna mai perdere la speranza e amare la vita, di quanto sono fortunato ad avere la salute.
    Ti auguro una buona serata, un grande abbraccio, Vito

    RispondiElimina
  3. E io mi commuovo nel leggere le tue parole Vito...esperienza indimenticabile che lascia il segno. L'onore di cui ti hanno reso partecipe rimmarrà per sempre nel tuo cuore, come tu rimmarrai nel mio fratellino ^____^ come stai a lumache? ahahahhaah!!! smack!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lumache? quest'anno neanche una, ormai ho le visioni, sono in crisi di astinenza, pensa che quando vedo due lenti a contatto .....credo siano due lumache abbracciate.... ahahahah
      Ciao Angela, un splendida serata, anche per me la tua amicizia è qualcosa di speciale... una abbraccio tvb.
      Vito

      Elimina
    2. MMMMMMM sai che non puoi mangiarle Vito! Scordati, dimentica la loro esistenza! ahahahahah!!!!! smack!

      Elimina
  4. bigetto00:12

    bellissimo blog.... con una musica che mette pace.... buona serata....

    RispondiElimina
  5. Grazie Bigetto, benvenuto nel mio angolino :-)

    RispondiElimina
  6. ciao...complimenti, parole e immagini molto belle...
    serena domenica
    lella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno Lella..grazie cara, buon inizio settimana ^___^

      Elimina

Accolgo con gioia qualunque saluto vorrai lasciarmi...
Buona Vita e grazie per esserti fermato ♥ qui ♥